Luigi Vergani il “fermo” che va in pista

Sulla rivista MOTOSPRINT (il più noto settimanale di motociclismo) apparve una lettera di un lettore che si lamentava del fatto di trovare in pista piloti più lenti di lui che gli impedivano di mantenere il suo ritmo, avrebbe voluto impedire l’ingresso a quelli meno veloci.

Io risposi in maniera molto ironica, definendomi “il Fermo” e raccontando episodi della mia esperienza in pista dove ero quasi sempre il più lento: si scatenò una pioggia di lettere. Alcune erano di critica ma la maggior parte attaccavano quelli che vennero definiti “i campioni del mondo delle prove libere”, convinti com’erano che con un po’ di soldi in più avrebbero potuto diventare un altro Valentino Rossi: un atteggiamento molto pericoloso se portato in pista.

Lo storico e notissimo disegnatore Giorgio Serra (“Matitaccia” per la gente del settore motociclistico ed automobilistico), aveva disegnato una vignetta a contorno della mia lettera: lo contattai inviandogli una foto dalla quale prese spunto per una caricatura pubblicata qualche numero dopo. Su mia richiesta mi inviò l’originale che ora fa bella mostra in casa mia accanto alla prima. Feci anche stampare un certo numero di magliette che distribuii ai componenti del motoclub Vimercate. La cosa divertente fu che qualche mese dopo ero in coda alla segreteria dell’autodromo dei Franciacorta per mettermi in lista e quando declinai le generalità uno sconosciuto si girò e mi disse “il mitico Vergani della vignetta di Motosprint”!

Luigi Vergani

Leave a Reply

Vai alla barra degli strumenti