Buon Natale

Quella notte, però, a Paperon Scrooge appare la visione di Rock Marley, suo socio morto anni prima.
Inizialmente Paperon crede che si tratti di un incubo o di un’allucinazione, ma poi si convince di avere a che fare con un fantasma: questi ammonisce il vecchio papero di non fare i suoi stessi errori, per poi non aversene a pentire nell’aldilà, e annuncia la prossima apparizione di tre spiriti.
In seguito compare effettivamente lo spirito dei Natali passati, che fa rivivere a Scrooge eventi di molti anni fa: il papero si rivede bambino, triste e incapace di socializzare con i compagni di scuola; poi giovane impiegato, trattato con generosità e simpatia dal suo primo datore di lavoro; poi in un drammatico colloquio con la sua fidanzata di un tempo, che rimproverandogli la sua durezza di cuore si vede costretta a lasciarlo.
Poi sopraggiunge lo spirito di questo Natale, che mostra a Scrooge ciò che avviene nel presente a sua insaputa: Bob Cratchitt vive di stenti con la sua famiglia, non potendo contare su uno stipendio adeguato; il nipote ha qualche parola buona per il vecchio zio, ma sua moglie e altri amici e parenti lo giudicano molto severamente.
Infine a Paperon si manifesta lo spirito dei Natali futuri, più minaccioso e taciturno dei precedenti: la visione che gli si prospetta è la città che accoglie con indifferenza la scomparsa di un vecchio avaro e spietato, a cui nessuno voleva bene: quando Paperon Scrooge nota la sua domestica intenta a vendere degli oggetti appartenuti a lui, si rende conto che quello potrebbe essere lo scenario successivo alla propria morte.
Dopo la scomparsa anche del terzo spirito, il vecchio papero si sveglia all’alba di Natale. Potrebbe aver sognato tutto, ma in definitiva la cosa non ha importanza per lui: resosi conto dell’aridità del suo modo di vivere, è deciso a cambiar vita e a diventare generoso con tutti. E tutti si stupiscono di questo repentino cambiamento, da Cratchitt che ottiene un congruo aumento di stipendio, alla domestica che riceve per la prima volta una gratifica natalizia, fino al nipote e ai suoi parenti e amici, che vedono apparire il vecchio zio durante il pranzo di Natale: inizialmente qualcuno sospetta che l’abbia fatto solo per mangiare a sbaffo, ma il sospetto svanisce quando in casa viene recapitato un pranzo luculliano ordinato dallo zio stesso. Lo spirito del Natale ha vinto anche la durezza di cuore del vecchio Paperon Scrooge.

Nella vita di ciascuno di noi c’è un prima, un durante e un dopo, perché tutti possiamo cambiare in meglio sia nella vita che nel lavoro

Buon Natale
Leave a Reply