Come può l’amministratore di condominio , in assenza di delibera di approvazione dei rendiconti,obbligare i condomini al pagamento delle rate di preventivo provvisorio

L’art.1123 c.c. statuisce l’onere dei condomini di corrispondere le spese per la conservazione e il godimento delle parti comuni dell’edificio.

Ciò significa che l’obbligo del condomino di pagare le stesse deriva dalla gestione medesima dell’immobile ed è quindi precedente (e prescinde) dall’approvazione che l’assemblea può fare del preventivo e del consuntivo.

Nel senso che l’obbligazione pecuniaria scaturisce dal fatto che si è condomini, proprietari di parti comuni di cui si utilizzano i servizi e NON nasce invece in seguito a un’approvazione dell’assemblea.

Il diritto dell’amministartore pertanto di chiedere/pretendere il pagamento delle spese condominiali deriva dall’art.1123 c.c., che chiarisce gli adempimenti economici di ciascun condomino.

Dal canto suo l’amministratore, in assenza di approvazione dei rendiconti, potrà procedere con la richiesta di pagamento in base al preventivo approvato l’anno precedente tenuto conto di quanto stabilito dall’art.1133 c.c. : ” I provvedimenti presi dall’amministratore nell’ambito dei suoi poteri (di cui all’art.1130 c.c.) sono obbligatori per i condomini”

Se poi i versamenti richiesti non verranno effettuati sarà possibile per l’amministratore depositare ricorso per ingiunzione, che però non sarà immediatamente esecutivo, stante l’impossbilità di depositare avanti il Tribunale verbale dell’assemblea che ha approvato il preventivo e/o del consuntivo.

Risposta 1:

Pertanto visto che se non vi è un verbale di approvazione del consuntivo e nuovi preventivo i condomini possono non pagare e cosa può fare l’amministratore?? Grazie

Leave a Reply